Canal-U

Mon compte
LabexMed

Le strutture portuali di Neapolis in età imperiale


Copier le code pour partager la vidéo :
<div style="position:relative;padding-bottom:56.25%;padding-top:10px;height:0;overflow:hidden;"><iframe src="https://www.canal-u.tv/video/labexmed/embed.1/le_strutture_portuali_di_neapolis_in_eta_imperiale.52443?width=100%&amp;height=100%" style="position:absolute;top:0;left:0;width:100%;height: 100%;" width="550" height="306" frameborder="0" allowfullscreen scrolling="no"></iframe></div> Si vous souhaitez partager une séquence, indiquez le début de celle-ci , et copiez le code : h m s
Auteur(s) :
Carsana Vittoria

Producteur Canal-U :
LabexMed
Contacter la chaine
J’aime
Imprimer
partager facebook twitter

Le strutture portuali di Neapolis in età imperiale

Le evidenze relative al bacino portuale di Neapolis sono emerse nei diversi settori del grande scavo di piazza Municipio, realizzato in occasione della costruzione delle stazioni di linea 1 e 6 della metropolitana cittadina. L’area di scavo corrisponde al settore sud/sud-ovest di una più ampia insenatura, estesa fra il rilievo di S. Maria di Porto Salvo e il basso promontorio sul quale in età angioina è eretto Castel Nuovo, ubicata tra l’insediamento di Parthenope degli inizi del VII secolo a.C. e il pianoro di Neapolis, la città nuova fondata alla fine del VI-inizi V secolo a.C. Questa parte della baia fu utilizzata con certezza come porto dal III secolo a.C., come testimoniano tracce di dragaggi e la costruzione di strutture di terrazzamento delle pendici della collina retrostante.

In età augustea il porto e l’area circostante sono oggetto di una nuova organizzazione, documentata da importanti opere infrastrutturali, che si inseriscono nel più ampio programma di interventi edilizi che interessa Neapolis e l’area flegrea. Lo scavo ha messo in luce una banchina in opera cementizia e un molo foraneo che fungeva da chiusura artificiale del bacino e protezione dell’insenatura dai venti meridionali. Alla stessa epoca risale un asse viario realizzato lungo il margine occidentale del bacino, identificabile con la via per cryptam nota dalle fonti, che collegava Neapolis al suo porto e proseguiva verso i Campi Flegrei.

Anche la fascia costiera circostante è interessata in età imperiale da una intensa urbanizzazione con la realizzazione di un’edilizia, probabilmente di iniziativa pubblica, caratterizzata da edifici termali.

L’esplorazione dei fondali, con il rinvenimento di relitti, manufatti organici legati alla marineria, e di una notevole quantità di materiali ceramici, contribuisce a documentare la continuità dello scalo neapolitano per tutta l’età imperiale, fino agli inizi del V secolo d.C., quando questa parte del bacino si insabbia e la linea di costa e il porto avanzano verso est.


Session 5 Infrastructures, stockage et logistique - Modératrice : Giulia Boetto (Centre Camille Jullian)


  •  
  •  
    Date de réalisation : 18 Juin 2019
    Lieu de réalisation : Centre Jean Bérard (Naples)
    Durée du programme : 32 min
    Classification Dewey : Méditerranée, Antiquités
  •  
    Catégorie : Conférences
    Niveau : niveau Master (LMD), niveau Doctorat (LMD), Recherche
    Disciplines : Histoire, Histoire de l'art, Archéologie
    Collections : Ports et zones portuaires de la Méditerranée Antique
    ficheLom : Voir la fiche LOM
  •  
    Auteur(s) : Carsana Vittoria
    producteur : LabexMed
    Réalisateur(s) : Besset Jean-Christophe
  •  
    Langue : Italien
    Mots-clés : villes portuaires, Archéologie
    Conditions d’utilisation / Copyright : CC BY NC ND
 

commentaires


Ajouter un commentaire Lire les commentaires
*Les champs suivis d’un astérisque sont obligatoires.
Aucun commentaire sur cette vidéo pour le moment (les commentaires font l’objet d’une modération)
 

Dans la même collection

FMSH
 
Facebook Twitter
Mon Compte